Ritratti: i grandi innovatori del passato, presente e futuro.

The | Edge omaggia le storie di grandiosi personaggi, pionieri e pioniere dell’innovazione, che attraverso la diffusione del loro sapere e delle loro scoperte in ambito scientifico e tecnologico, hanno contribuito e contribuiranno a rivoluzionare l’umanità.

Politici cyborg: nel futuro l’AI potrebbe governare paesi interi

L'AI è pronta a governare il nostro mondo?

La fiducia nella classe politica crolla, specie dopo gli eventi degli ultimi anni. A quanto pare, 6 italiani su 10 preferirebbero che un’AI li governasse.

La politica moderna e le nuove tecnologie

I cittadini stanno perdendo fiducia nelle figure politiche di riferimento. Complici le difficoltà mondiali degli ultimi anni, il dissapore nei confronti della classe politica è arrivato alle stelle. Ma l’amarezza scaturita dalla profonda disillusione, può far preferire un robot a un essere umano? A quanto pare sì, e i dati sono sconcertanti (leggi il nostro articolo su Spot, il robodog).

L’AI governerà il mondo?

Ciò che viene criticato maggiormente al politico moderno, è l’eccessiva retorica, unita a possibili interessi nascosti, spesso portati avanti a danno dell’intera popolazione. Gli errori umani, inoltre, in generale non vengono granché tollerati, specialmente se chi li commette è una persona che ha in mano le sorti di un intero paese. E queste debolezze, certamente non appartengono a un’intelligenza artificiale. Quindi, veniamo ai dati: in Europa tendenzialmente più della metà dei cittadini è contrario al popolamento delle sedi governative da parte delle AI, ma in Italia i dati sono opposti. Infatti l’intelligenza artificiale sarebbe preferita da sei italiani su dieci. Il motivo è legato alla profonda disillusione della fascia d’età più giovane, ma anche a un sentimento collettivo di malessere. Il sentirsi parte di un luogo che, seppur ricco di potenziale, è destinato a degradare perché in mano a potenti poco lungimiranti. L’intelligenza artificiale, invece, quali prospettive offre? Probabilmente, agli occhi degli intervistati, una visione imparziale e funzionale, ma non solo.

AI e l’umanità

La velocità con cui un algoritmo calcola i dati, potrebbe essere perfino la soluzione a diverse questioni che altrimenti avrebbero occupato anni di discussione per sfociare sul nulla di fatto. Ma affidarsi a un’AI porta anche delle insidie (leggi il nostro articolo sulle insidie delle chatbot). Una mente robotica manca di alcuni guizzi umani, necessari per filtrare le esigenze delle persone: prima fra tutti, la vicinanza empatica. Inoltre, un altro quesito sorge spontaneo: potremmo sentirci realmente coinvolti, partecipativi, se a governarci sarà un algoritmo?

A presto con nuovi aggiornamenti!

Potrebbero interessarti anche:

Condividi Articolo

Herbert Boyer, il padre degli OGM

Herbert Wayne Boyer (Derry, 10 luglio 1936)  Herbert Wayne Boyer, anche detto “Herb” è entrato nella storia della scienza come “padre” degli organismi geneticamente modificati