Ritratti: i grandi innovatori del passato, presente e futuro.

The | Edge omaggia le storie di grandiosi personaggi, pionieri e pioniere dell’innovazione, che attraverso la diffusione del loro sapere e delle loro scoperte in ambito scientifico e tecnologico, hanno contribuito e contribuiranno a rivoluzionare l’umanità.

Future You: come sarai tra 60 anni?

Immagina di poter parlare con chi sarai tra 60 anni. Chiedere del tuo lavoro, della tua salute e della tua vita sentimentale potrebbe suscitare un misto di emozioni: curiosità, speranza, forse anche un po’ di timore.

Questo concetto, che sembra uscito da un film di fantascienza, è diventato realtà grazie a “Future You un progetto del Massachusetts Institute of Technology (MIT) orientato ai giovani che vuole a rafforzare il legame tra il sé presente e il sé futuro.

Cos’è il Progetto “Future You”?

Future You” si basa su studi che dimostrano come una maggiore continuità col nostro futuro possa influenzare positivamente il comportamento. Incluse migliori abitudini finanziarie, rendimento accademico, salute mentale e qualità della vita.

La piattaforma interattiva web-based permetterà agli utenti di dialogare con una loro versione virtuale invecchiata, generata in tempo reale da un modello di linguaggio avanzato, personalizzato in base a un sondaggio preliminare sulle aspirazioni e qualità personali degli utenti.

Come Funziona

I ricercatori del progetto “Future You” del Media Lab del MIT hanno coinvolto 344 volontari di età compresa tra i 18 e i 30 anni, ai quali hanno chiesto di condividere alcune informazioni personali e di immaginarsi a 60 anni.

Future You: versioni invecchiate partecipanti al progetto
Credit: MIT Media Lab

Questi dati sono poi stati usati dall’intelligenza artificiale per creare ricordi sintetici ed elaborati da un Large Language Model (LLM), basato su ChatGPT-3.5. I volontari hanno caricato una loro foto, che è stata invecchiata digitalmente per mostrare come potrebbero apparire a sessant’anni.

Esperienze e Reazioni dei Partecipanti

Molti partecipanti hanno descritto l’esperienza come emotivamente coinvolgente, nonostante la natura artificiale dell’interazione. Hanno riportato sensazioni di consolazione, calore, sollievo e riduzione dell’ansia per il futuro. Anche se l’IA presentava una vita diversa da quella immaginata, le conversazioni sono state percepite come convincenti e realistiche.

Gli Obiettivi

L’obiettivo del progetto è far riflettere e indurre cambiamenti comportamentali positivi. Pat Pataranutaporn, uno dei ricercatori coinvolti, ha spiegato che una connessione come quella offerta da “Future You” può motivare le persone a fare scelte migliori nel presente, migliorando il loro benessere a lungo termine.

Per esempio, una ragazza che sta studiando per diventare insegnante di biologia ha trovato gratificazione ascoltando la sua versione futura raccontare il momento più soddisfacente della sua carriera: aiutare uno studente in difficoltà a superare un esame.

Prospettive Future

Ivo Vlaev, professore di scienze comportamentali all’Università di Warwick, ha sottolineato che questo esercizio può portare a maggiore costanza nell’istruzione, stili di vita più sani e una pianificazione finanziaria più prudente.

Il progetto rappresenta un’applicazione dei principi della scienza comportamentale e, se implementato efficacemente, potrebbe avere un impatto significativo sulle decisioni quotidiane delle persone.

Quindi…

Quella del progetto “Future You” è un’idea affascinante che, grazie alla tecnologia, è diventata realtà. Non solo offre un’opportunità unica per riflettere sulla propria vita e sulle scelte future, ma fornisce anche un nuovo strumento per promuovere il benessere e la soddisfazione personale.

In fondo, chi non cerca un po’ di rassicurazione? Che sia un coach in carne e ossa o un’intelligenza artificiale, sapere che stiamo andando nella direzione giusta può fare la differenza nelle nostre vite.

Condividi Articolo

Herbert Boyer, il padre degli OGM

Herbert Wayne Boyer (Derry, 10 luglio 1936)  Herbert Wayne Boyer, anche detto “Herb” è entrato nella storia della scienza come “padre” degli organismi geneticamente modificati