Insights
La nuova sezione Insights raccoglie il lavoro di ricerca condotto dal team di data analysis in collaborazione con il Wallife Innovation Lab, cuore pulsante dell’innovazione in Wallife. Le pubblicazioni presentano i risultati delle analisi di dati, trend emergenti e contribuiscono a monitorare lo sviluppo di nuovi e potenziali rischi ai danni degli individui e delle aziende.

Sorveglianza biometrica durante le proteste: una questione di sicurezza o una violazione dei diritti umani?

Contributor

La sorveglianza biometrica è l’ultima frontiera utilizzata dalle forze di polizia per controllare i manifestanti e semplificare l’identificazione di potenziali criminali. Tuttavia, questo tipo di sorveglianza non discrimina tra i cittadini e pone molti problemi ai diritti civili e umani fondamentali.
Il diritto di riunione pacifica fra tutti, insieme a molti altri diritti alla privacy e con il possibile degrado anche della così detta “dignità umana”. Diversi tipi di sorveglianza richiedono numerosi tipi di dispositivi, che sono per lo più regolati dall’intelligenza artificiale, un ramo che ha ancora poco controllo e che comunque richiede l’interazione umana per essere inequivocabile. La regolamentazione internazionale è insufficiente e gli agenti di polizia si sentono autorizzati a usare questi tipi di dispositivi durante le proteste per motivi di protezione e per mantenere la pace e la sicurezza nelle città.

Compila il modulo per ottenere l’articolo completo via e-mail e proseguire la lettura

Condividi Articolo