Ritratti: i grandi innovatori del passato

The | Edge omaggia le storie di grandiosi personaggi storici, uomini e donne del passato, pionieri e pioniere dell’innovazione, che attraverso la diffusione del loro sapere e delle loro scoperte in ambito scientifico e tecnologico, hanno contribuito a rivoluzionare l’umanità.

Biometria e settore bancario: la svolta è vicina

La biometria rivoluzionerà il settore bancario

L’accesso delle aziende ai nostri dati biometrici può spaventare, eppure porta dei vantaggi considerevoli. Scopriamo insieme l’imminente inclusione della biometria nel settore bancario.

Le frodi sull’identità sintetica costeranno 23 miliardi di dollari entro il 2030

Così come avanza l’innovazione, anche ciò che potrebbe contrastarla cresce con lei. Il Deloitte Center for Financial Services ha lanciato una previsione preoccupante: entro il 2030, le frodi sull’identità sintetica potrebbero causare una perdita di almeno 23 miliardi di dollari. Questa minaccia crescente sta spingendo molte banche e fintech a rafforzare i loro sistemi di sicurezza attraverso l’implementazione di tecnologie biometriche avanzate. Vediamo come la tecnologia biometrica si sta rivelando la chiave per affrontare questa sfida.

L’intelligenza artificiale e la biometria: il binomio del futuro

Il direttore esecutivo di UBS, Pascal Tavernier, sostiene che per affrontare le sfide delle frodi sull’identità sintetica, l’intelligenza artificiale rappresenta un punto di svolta cruciale, mentre la biometria è il futuro (leggi il nostro articolo sull’uso di X dei dati biometrici). L’uso combinato di queste due tecnologie sta rivoluzionando il settore finanziario, rendendo le transazioni online più sicure e senza attriti. Tavernier sottolinea l’importanza della regolamentazione e della trasparenza nella gestione dei dati. All’interno dell’Unione Europea, il Regolamento generale sulla protezione dei dati stabilisce principi rigorosi di correttezza, trasparenza e limitazione delle finalità d’uso dei dati. La chiave per la protezione dei dati biometrici è l’hashing biometrico, che consente di archiviarli in modo irrecuperabile. Anche se un criminale riesce ad accedere a tali dati, non può utilizzarli per ricreare le credenziali biometriche di un individuo. Tuttavia, Tavernier evidenzia come la vera sfida sia il rilevamento della vivacità, ovvero la capacità di determinare se una persona è reale o se si tratta di un deep fake, una maschera o un replay. Qui entra in gioco l’AI, che svolge un ruolo cruciale nell’identificazione di queste minacce.

Digitalizzare il ciclo di vita del settore bancario con la biometria

Tavernier suggerisce alle banche di ripensare il processo del ciclo di vita dell’identità del cliente. Infatti, attualmente la perdita di informazioni può portare a lunghi processi per ottenere di nuovo l’accesso a un conto bancario, con richieste di verifica frustranti per gli utenti. Questo sistema è costoso sia per gli utenti che per i fornitori di servizi finanziari. L’autenticazione biometrica e il rilevamento della vitalità possono offrire un’alternativa self-service più economica e senza attriti, migliorando notevolmente l’esperienza del cliente (leggi il nostro articolo sul passaporto biometrico). Inoltre, la digitalizzazione del processo di firma dei contratti può semplificare le transazioni finanziarie grazie alla firma digitale.

Gli ID digitali riutilizzabili e l’evoluzione dei portafogli di identità digitale

Joe Palmer, responsabile prodotto e innovazione presso iProov, prevede che gli ID digitali riutilizzabili, contenenti dati biometrici, cittadinanza e stato di vaccinazione, diventeranno sempre più diffusi. Questi ID digitali non solo risparmieranno tempo ai consumatori, ma miglioreranno anche la protezione della loro privacy. Gli utenti possono condividere selettivamente le informazioni senza rivelare dettagli non necessari. Gli sviluppi futuri si concentreranno sui portafogli di identità digitale, che consentiranno di archiviare, crittografare e verificare i dati di identità. Entro pochi anni, le app di identità digitale saranno probabilmente la norma, semplificando ulteriormente le transazioni online.

A presto con nuovi aggiornamenti!

Potrebbero interessarti anche:

Condividi Articolo